martedì 4 marzo 2014

Bugie

"Bugie" è il nome del dolce tipico di Carnevale in Liguria, o meglio ad Imperia si chiamano così.

A Piacenza son le sprelle, in Toscana son i cenci, frappe a Roma, sfrappole nella zona di Bologna, insomma, ogni zona d'Italia chiama questi dolci in modo differente e leggermente diverse sono anche le ricette.

La Nonna Gè fa le bugie più buone al mondo: impalpabili, si sciolgono in bocca, leggerissime al punto che potresti continuare a mangiarle!

Le bugie, al di là del carnevale, sono legate anche al compleanno di mio fratello che compie gli anni a febbraio e, sapendo quanto le ami, la nonna fa sempre in modo di fargliene arrivare uno scatolone stracolmo. Non sto esagerando: fodera uno scatolone di cartone utilizzando la carta stagnola e lo riempie fino all'orlo!! Non vi dico il sorrisone di mio fratello alla vista di tutto ciò!




Ingredienti
500g farina
50g burro
2 uova
3 cucchiai di zucchero
mezzo bicchiere di acqua calda
1 bicchierino di grappa
Olio per friggere
zucchero a velo

Procedimento
Sciogliete lo zucchero in mezzo bicchiere di acqua calda. Impastate tutti gli ingredienti insieme, se dovesse risultare troppo appiccicoso, aggiungete all'impasto altra farina, oppure in caso contrario altra grappa.
L'impasto dovrà avere una consistenza elastica per poter agevolmente esser tirato con la macchina per fare le sfoglie.
Tirate la pasta a sfoglia sottilissima, e tagliatela con le mani o con la classica rotella a scacchettini.
Friggete in abbondante olio di semi facendo attenzione a non bruciarle: devono esser leggermente dorate, ma non scurirsi troppo.
Trasferitele su un vassoio con carta assorbente e quando saranno fredde cospargetele con abbondante zucchero a velo






Come al solito le dosi delle ricette son per un reggimento. A meno che non abbiate una festa a cui portarle, vicini di casa a cui regalarle, fratelli particolarmente golosi, colleghi a cui far passare una dolce pausa caffè: dimezzate le dosi!!